Numero verde
800589004
X
Prenota adesso
la tua visita!


È semplice, compila il form e saremo noi a contattarti!

Prenota

X

Sbiancamento dentale

Sorriso smagliante con un solo trattamento

Sbiancamento
New Call-to-action

Che cos'è lo sbiancamento dentale?

Lo sbiancamento è considerato il metodo più semplice e allo stesso tempo più efficace per migliorare l’aspetto del sorriso quando le normali procedure di pulizia dei denti non sono più sufficienti a ripristinare la loro colorazione naturale, sia a causa di ragioni interne come l’età, che esterne come fumo, caffè, ecc.
Va ricordato che lo sbiancamento dentale è una vera e propria procedura medica e come tale deve essere eseguita da professionisti abilitati e qualificati per garantire il risultato estetico desiderato ed evitare possibili complicazioni.

In che cosa consiste la procedura di sbiancamento dentale?

Lo sbiancamento professionale in studio è un trattamento alla poltrona che basa la propria sull'impiego combinato della lampada e di uno speciale gel sbiancante a base di Perossido di Idrogeno. La lampada si caratterizza per l'azione del led a luce blu, che permette di non surriscaldare il dente, riducendo al minimo l'eventuale sensibilità. L'intensità della luce essere variata, anche durante il trattamento, assicurando così il miglior comfort possibile al paziente.

L'efficace e rapido effetto sbiancante del gel associato all'energia prodotta dalla lampada è il risultato della reazione di perossido e ferro. La componente perossidica reagisce con il ; generando radicali idrossilici, i cosiddetti agenti sbiancanti. La fotosintesi favorisce il rinnovo continuo del ferro reattivo, la produzione costante di radicali idrossilici, migliorando notevolmente il processo di sbiancamento.

Quali sono i risultati che posso ottenere con lo sbiancamento dentale?

Test clinici hanno dimostrato che già dopo il primo trattamento i denti possono essere schiariti fino a 8 tonalità. I risultati ottenibili con lo sbiancamento possono variare da persona a persona e dipendono da vari fattori. Il colore iniziale di partenza è uno dei fattori; gli elementi dentari tendenti al colore giallo solitamente rispondono meglio al trattamento rispetto ai denti con un colore tendente al grigio. La valutazione del colore raggiunto va fatta alcuni giorni dopo la conclusione del trattamento per permettere una reidratazione completa alle strutture dentarie.

Quanto durano nel tempo i risultati raggiunti con il trattamento di sbiancamento?

Rispetto ad un trattamento di sbiancamento senza lampada UV, anche dopo 30 giorni i denti risultano il 42% più bianchi. In ogni caso la stabilità nel tempo dipende da numerosi fattori come il livello di igiene orale e le caratteristiche individuali dello smalto. Inoltre alcune abitudini come il fumo, un’eccessiva quantità di caffè ed alcune bevande con elevata presenza di coloranti possono compromettere, in termini di durata nel tempo, i risultati ottenuti. Per un mantenimento ottimale del   colore raggiunto è consigliato effettuare una seduta di trattamento professionale in studio almeno una volta all’anno. È importante registrare dopo ogni seduta il colore raggiunto per monitorarne la stabilità nel tempo in occasione delle successive visite di controllo o sedute di trattamento.

Il trattamento di sbiancamento dentale è doloroso?

Il trattamento di sbiancamento non è assolutamente doloroso. Non viene utilizzata alcun tipo di anestesia e solo in alcuni casi di ipersensibilità dentinale è consigliata l’assunzione di un normale analgesico al bisogno. Gli unici effetti collaterali registrati sono appunto un aumento della sensibilità al freddo e un localizzato arrossamento gengivale che in ogni caso scompaiono spontaneamente nel giro di qualche giorno dal trattamento.

Quali sono le controindicazioni al trattamento di sbiancamento?

È importante che i pazienti fumatori sospendano il fumo durante il trattamento; oltre a comprometterne il risultato estetico, la combinazione della nicotina con il perossido d’idrogeno potrebbe potenziare gli effetti nocivi sui tessuti molli. Il trattamento di sbiancamento va evitato durante il periodo di gravidanza o allattamento. Va tenuto presente che lo sbiancamento dentale modifica il colore dei denti naturali, ma non quello di ricostruzioni, ponti o corone; la sostituzioni di eventuali corone o ricostruzioni va effettuata una volta che il colore dato dallo sbiancamento si sia stabilizzato in modo da uniformarsi al nuovo colore dei denti. In presenza di aree ipo o ipercalcificate, il colore dei denti alla fine del trattamento potrebbe non essere uniforme.
condividi
richiedi informazioni

Guarda anche...

Casi clinici
M.F. 37 anni
E.F. 28 anni
L.D. 16 anni
Ultime dal Blog